|  | 

Settori evergreen

Lavoro sempre più green

Lavoro e green Economy

Infografica Lavoro e green Economy

L’Italia al verde. Stavolta però in senso positivo. La green economy si fa sempre più strada nel belpaese arrivando a generare, nell’arco di 7 anni, quasi 3 milioni di posti di lavoro e oltre 100 miliardi di valore aggiunto. GreenItaly 2015, il VI rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere, promosso in collaborazione con il Conai, parlano chiaro. Ben 372.000 (il 24,5% del totale) le aziende italiane dell’industria e dei servizi che, dal 2008, hanno scommesso sulla tecnologia green, innovando in termini di ricerca, risparmio energetico, impatto ambientale.

Ma le belle notizie non finiscono qui e, interessano anche il mondo del lavoro: sono infatti circa il 13,2% dell’occupazione complessiva nazionale, vale a dire 2 milioni e 942 mila i green jobs, le persone occupate nel settore. Numeri che, entro dicembre, saliranno ancora (si calcola che arriveranno ben 294.200 assunzioni legate a competenze green: ben il 59% della domanda di lavoro).
Lo sviluppo sostenibile, come esplicitano i dati, e l’orientamento green diventano la scelta sempre più voluta su tutto il territorio nazionale, dal momento che alla green economy italiana si devono 102,497 miliardi di valore aggiunto – pari al 10,3% dell’economia nazionale.

Per quel che riguarda il mondo del lavoro, ecco i dati emersi:

Il 14,9% delle assunzioni previste per il 2015 (74.700 posti di lavoro)

In confronto all’Europa, superiamo anche Regno Unito, Francia e Germania, infatti dalla fine del 2014, il 51% delle Pmi italiane ha almeno un green job, più che nel Regno Unito (37%), Francia (32%) e Germania (29%).
interessa green jobs, (45 in più rispetto al 2009). Nell’area aziendale della progettazione e della ricerca e sviluppo si arriva al 67%, con i green jobs che diventano i veri protagonisti dell’innovazione. Le figure professionali richieste, con competenze green, sono 219.500, per un totale di 294.200 lavoratori ‘green’, il 59% della domanda di lavoro.

Ma quali sono i “lavoratori verdi” più richiesti?

Tra i primi posti troviamo l’installatore di impianti termici a basso impatto, l’ingegnere energetico, il tecnico meccatronico, l’ecobrand manager, l’esperto di acquisti verdi, l’esperto in demolizione per il recupero dei materiali, e poi, ancora, l’esperto del restauro urbano storico, il serramentista sostenibile, l’esperto nella commercializzazione dei prodotti di riciclo, il programmatore delle risorse agroforestali, l’esperto in pedologia – la scienza che studia il suolo, la genesi, sua composizione, le variazioni, soprattutto a fini agricoli -, l’ingegnere ambientale, lo statistico ambientale e il risk manager.

Lavoro e green Economy

Per Condividere l’Infografica Lavoro e green Economy copia e incolla il codice

 

Letture consigliate Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nome *

Email *

Website

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Formazione e lavoro sono il motore di una società attiva e propositiva. Perseguendo un principio di solidarietà, offriamo risposte reali alle vostre richieste.

Ufficio Stampa

Volete che si parli di voi, dei vostri progetti e prodotti?
Sapremo ascoltarvi e trovare le parole e i canali giusti per raggiungere il vostro target.

Conosciamo bene le dinamiche dei media e abbiamo rapporti consolidati con i principali gruppi editoriali.

Servizi:

* Individuazione mappa della notiziabilità e media strategy
* Redazione press kit e materiali redazionali
* Conferenze stampa, interviste, press tour
* Diffusione articoli e rassegna stampa
* Social media monitoring

Contattaci