|  | 

Curriculum Vitae

Tutti i segreti per un buon curriculum

Quando ci si approccia al mondo del lavoro, sono mille e più di mille i quesiti che ognuno di noi si pone. Che siate freschi di laurea oppure che abbiate già delle esperienze e volete misurarvi con nuove sfide, c’è una cosa da cui nessuno, e ripetiamo, nessuno può prescindere: Il Curriculum Vitae. La rete, oggi, offre moltissimi spunti e reinterpreta, a sua misura, l’idea di Curriculum ma, indipendentemente dal mezzo usato, il concetto di base resta quello del marketing. Bisogna saper vendere se stessi e, per farlo, é necessario utilizzare alcuni piccoli trucchi che ci suggerisce il mondo della pubblicità: scopriamoli insieme.

  •  Conoscere se stessi


  •  Attirare positivamente l’attenzione


  •  Essere convincenti


  •  Indurre all’azione.

Perché conoscere se stessi? Perché noi e solo noi siamo consapevoli delle nostre potenzialità, dei nostri limiti, dei nostri pregi e dei nostri difetti. Noi siamo il nostro bene più prezioso e quindi è importante sapere cosa vogliamo trasmettere ai nostri interlocutori attraverso il curriculum vitae: il nostro biglietto da visita nel mondo del lavoro.
Perché attirare positivamente l’attenzione? Perché ciò che diciamo e raccontiamo di noi stessi, di cosa abbiamo fatto, di quello a cui aspiriamo e, soprattutto, il modo in cui lo facciamo, deve generare attrazione, simpatia, considerazione, per farci giungere al nostro primo obiettivo: ottenere un colloquio conoscitivo.
Come essere convincenti? Essere convincenti significa ottenere la fiducia del nostro interlocutore, trasmettere quindi un senso di verità, di affidabilità e di esperienza che traspare dal contenuto del nostro curriculum vitae.
Come indurre all’azione? Essendo brevi, sintetici ed incisivi. La lettura del nostro curriculum deve essere scorrevole, gli elementi importanti della nostra esperienza devono emergere subito, il documento deve essere semplice e professionale, perché la prima impressione come persona e professionista che il selezionatore si crea e, la curiosità ad approfondire la conoscenza, parte dal curriculum.

 COSA SCRIVERE NEL CURRICULUM?

La prima regola da seguire é la sincerità: mai bluffare, ogni informazione dev’essere documentabile in fase di colloquio.
La seconda regola è l’ ordine:

  • Dati personali nome, cognome, luogo di nascita, residenza e domicilio, recapiti
  • Esperienze lavorative (indicare tutte le esperienze partendo dalla più recente alla più remota, con riferimento al periodo, all’azienda, alla posizione ricoperta, alle competenze sviluppate)
  • Formazione (diploma, laurea, master e corsi, specificando l’ente erogatore, il periodo di svolgimento, le eventuali certificazioni, il voto finale)
  • Competenze linguistiche e conoscenze informatiche (per le lingue indicare il livello di comprensione, conversazione e scrittura, per le competenze informatiche indicare i sistemi operativi ed i programmi conosciuti, i software specifici ed eventuale conoscenza di linguaggi di programmazione e le certificazioni)
  • Interessi personali e attitudini: È molto importante esplicitare la disponibilità ai trasferimenti, il possesso della patente o di un’auto e valorizzare gli aspetti del proprio percorso professionale e formativo interessanti agli occhi del selezionatore per un particolare ruolo, hobby e interessi personali non sono elementi da nulla, all’interno di un curriculum: la pratica dello sport o, ancor meglio, di uno sport di squadra, suggerisce la capacità di fare team working.
  • Le capacità trasversali, quali la leadership o la flessibilità, è bene inserirle solo ed esclusivamente se ritieni che facciano realmente parte del tuo carattere.
  • Al termine del documento, si deve porre l’autorizzazione all’utilizzo dei dati personali, riportati ai sensi del D. Lgs 196/03, seguito da data e firma. 

Adesso il tuo curriculum vitae é pronto e sarà il tuo lasciapassare nel mondo del lavoro. Non dimenticare che le aziende apprezzano la creatività per cui, nei limiti delle indicazioni che ti abbiamo dato, personalizza pure il tuo documento.

SE SEI UN NEOLAUREATO

Per chi si approccia al mondo del lavoro subito dopo la laurea è importante che, a sostituire la poca esperianza, ci siano elementi in laureatogrado di sostenere le potenzialità del candidato e di far leva sul selezionatore. Tra questi elementi sottolineamo la votazione del percorso accademico, l’aver concluso gli studi entro i tempi stabiliti, l’aver maturato un’esperienza di formazione all’estero. Importanti sono anche le esperienze di lavoro saltuarie, che suggeriscono l’impegno e la voglia di mettersi alla prova, la capacità di muoversi e di relazionarsi in differenti ambienti lavorativi e la capacità di adattamento. Questo genere di esperienze é bene inserirle nel curriculum nella sezione immediatamente successiva alle competenze linguistiche e informatiche.

Letture consigliate Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nome *

Email *

Website

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Formazione e lavoro sono il motore di una società attiva e propositiva. Perseguendo un principio di solidarietà, offriamo risposte reali alle vostre richieste.

Ufficio Stampa

Volete che si parli di voi, dei vostri progetti e prodotti?
Sapremo ascoltarvi e trovare le parole e i canali giusti per raggiungere il vostro target.

Conosciamo bene le dinamiche dei media e abbiamo rapporti consolidati con i principali gruppi editoriali.

Servizi:

* Individuazione mappa della notiziabilità e media strategy
* Redazione press kit e materiali redazionali
* Conferenze stampa, interviste, press tour
* Diffusione articoli e rassegna stampa
* Social media monitoring

Contattaci